COSTIERA AMALFITANA

Amalfi, panorama     Positano, panorama  Ravello, panorama

Home Page   -   Servizi offerti   -   Prenota una visita didattica  

Chi sono   -   Prenota una visita guidata   -   Contatti

 

 

Conca dei marini, Capo Conca


Ceramica di Vietri sul mare


Amalfi, Campanile del duomo, part.
 

Positano, cupola della chiesa di S.Maria Assunta
 

Vietri sul mare, chiesa di S.Giovanni Battista
 

Ravello, ambone del duomo - part.
 

Cetara, panorama


Atrani, panorama
 

Patrimonio dell’Umanità dal 1997 

I motivi della scelta
“La Costiera Amalfitana è un importante area culturale in cui lo stile di vita si tramanda di generazione in generazione contribuendo a mantenere intatte le tradizioni. La ricchezza paesaggistica, frutto sia dell’intervento dell’uomo sia della mano benevola della natura, la rende inoltre un luogo ricco di fascino e suggestione dove il mare e la montagna, passando attraverso gli ampi spazi aperti delle coltivazioni, si fondono in perfetta armonia”.

E’ un itinerario mozzafiato quello che da Vietri conduce a Positano.
Una strada che si snoda tortuosa per circa 40 chilometri: la statale 163, di certo una delle strade più panoramiche al mondo. Stretta tra la roccia calcarea dei monti Lattari, bianca ed aspra, addolcita qua e là da una rigogliosa vegetazione verde, picchiettata dal giallo dei limoni e delle ginestre, ed il mare blu cobalto, profondo, offre uno scenario straordinario: è un affaccio sul mondo, perché qui in Costiera si è in Paradiso.
Vietri, Cetara, Erchie, Maiori, Minori, Atrani, Amalfi, Furore, Praiano, Positano e su in collina Tramonti, Scala, Ravello: ogni curva una sorpresa.
Tutte sono incantevoli ed ognuna fa sfoggio delle sue armi seduttrici.

Vietri
, con la sua ceramica si è vestita di giallo, verde, blu, i colori della Costiera: il sole, la natura ed il mare.
Ravello
, la Villa Cimbrone, dove il Viale dell’ Immensità e la Terrazza dell’Infinito provocano sensazioni incontrollabili: sospesi tra cielo e mare, lo sguardo giunge fino a Salerno, la Piana di Paestum, Punta Licosa; la Villa Rufolo, dove nel 1880 il compositore Richard Wagner, conquistato dalla luce, dai colori e dai profumi del giardino, esclamò “il magico giardino di Klingsor è trovato”, alludendo al secondo atto di Parsifal, suo capolavoro.
Amalfi
, la regina della costiera, che ha l’onore di averle dato il nome. Lo sfavillante Duomo di S. Andrea, domina incontrastato dall’alto di una maestosa scala, la piazzetta, salotto della cittadina. Ed il pensiero vola allo splendore vissuto ai tempi della Repubblica marinara.
Positano
, le sue “pezze”, abiti ottenuti da tessuti di lino, canapa o cotone, rigorosamente cuciti a mano, ed i sandali di cuoio, costituiscono il marchio inconfondibile della “moda Positano”, conosciuta in tutto il mondo.
E di fronte, gli isolotti de Li Galli che, se un tempo furono seduttori di Ulisse poiché dimora delle sirene ammalianti, oggi rapiscono chiunque si avvicini ad essi: Nureyev, il ballerino russo e Luca De Filippo, ex proprietari, ne sono un esempio.
La Costiera è stata protagonista assoluta di numerose pellicole cinematografiche: “Paisà”, del 1946, “Il miracolo”, del 1948, “Viaggio in Italia”, del 1953, di R. Rossellini, ed ancora “Che?” di R. Polanski, del 1972, per citarne alcune.
E’ stata ispiratrice di importanti pagine della letteratura: A. Gide vi ambientò alcune pagine de “L’immoralista”; D.H. Lawrence, vi lavorò nella composizione de “L’amante di Lady Chatterley”, G. Greene scrisse a Ravello “Il terzo uomo”.
F. Zeffirelli, Sofia Loren, Liz Taylor, D. Hoffman, Greta Garbo, Dick Burton;
L. Pirandello, A. Moravia, L. De Crescenzo, S. di Giacomo, G. D’Annunzio;
P. Picasso, Mirò, M. C. Hescer, A. Warhol, P. Klee, C. Carrà, ed ancora numerosi esuli politici.
Questi sono solo alcuni di quanti trovarono qui la serenità, l’ispirazione.
Natura, arte, storia, tradizioni, mitologia, profumi, colori e sapori, passioni, il tutto avvolto da un velo di magia:
Questa è la Costiera, la “Divina”.
Fiumi di parole sono stati scritti.
Ma la Costiera non va raccontata, va vissuta.

Paestum - Pompei ed Ercolano - NapoliIl VesuvioCapriLa Reggia di Caserta
I Campi Flegrei
- Benevento - SalernoLa Certosa di PadulaIl Cilento