Napoli

Castel dell'Ovo Chiesa di S. Francesco da Paola, Piazza del Plebiscito  Cristo velato, cappella Sansevero

Home Page   -   Servizi offerti   -   Prenota una visita didattica  

Chi sono   -   Prenota una visita guidata   -   Contatti

 

 

Caravaggio - Le sette opere di misericordia, part.

 

 

Spaccanapoli

 

Piazza del Gesù Nuovo
 

Chiostro maiolicato del monastero di Santa Chiara

 

Pizza Margherita  Caffettiera napoletana

La sfogliatella Il Babà

 

 

Centro storico di Napoli
Patrimonio dell'Umanità dal 1995

I motivi della scelta
"Quasi 2500 anni di storia hanno lasciato a Napoli notevoli testimonianze architettoniche e artistiche, che non si perdono nel disordine di una città sovrappopolata. I suoi cinque castelli e le oltre 200 chiese edificati nel centro storico testimoniano l'importanza della vecchia "capitale" dell'Italia meridionale".

 

"Qualunque cosa si sia detto, raccontato, disegnato, la realtà rappresenta assai più di tutto ciò. Che rive, che baie, golfi, sobborghi, castelli, luoghi di divertimento!...ho perdonato a tutti quelli che sono impazziti per Napoli… io…io taccio del tutto e solo apro, spalanco gli occhi, quando qualcosa mi sembra troppo straordinario…".
(Goethe, "Viaggio in Italia " 1787).

Il Centro antico, è un "Museo all'aperto", con i tre Decumani tra cui la vivacissima "Spaccanapoli", i palazzi e le corti che spalancano le porte ed accolgono i più curiosi, le numerose chiese, le cappelle, le guglie e le edicole, misto tra fede e superstizione. Una passeggiata tra tanti volti, dai colori, dai caratteri e dalla provenienza diversa ma uniti nell'espressione da stupore e scalpore; tanti i profumi: quello del bucato, messo ad asciugare tra i vicoli, dando così un tocco di luce e di colore a quelli stretti in cui un raggio di sole non vi penetra, come se fosse una serie di bandiere sventolanti con orgoglio; il profumo domenicale del ragù lasciato cuocere e insaporire lentamente, così come la nonna ha insegnato, che unisce felicemente a tavola le numerose famiglie; quello intenso del caffè unico nel sapore qui a Napoli, che segna l'inizio di un nuovo giorno, incerto ed improvvisato; delle "sfogliatelle", continua tentazione per il palato; della pizza, a cui il pensiero della città rimanda e del penetrante profumo di frittura della "pasta cresciuta".
 Odori e sapori inebriano i sensi, i colori rallegrano l'animo: sono questi i protagonisti della "commedia napoletana" e voi non potete che esserne coinvolti. Ed ancora San Gregorio Armeno, la via dei Presepi, che fa del Natale napoletano, il Natale. Questa del presepe è una tradizione secolare, in cui l'ambientazione tradizionale si accosta a quella napoletana, che finisce con il trionfare: è la gente partenopea, quella più povera e miserabile a esserne protagonista, quella che popola i vicoli e che vive nei "bassi".
C'è posto anche per i personaggi noti: Totò, Edoardo De Filippo, Madre Teresa di Calcutta, volti famosi del mondo dello spettacolo e della politica, oltre all'immancabile Pulcinella, la figura della napoletanità: spirito semplice, astuto, spontaneo e generoso, arma con cui combatte le avversità della quotidianità.
Il grandioso Duomo e la sontuosa Cappella del Tesoro di San Gennaro, il Santo protettore della città che a lui si prostra tutta, in attesa del misterioso miracolo;
la classica Piazza del Plebiscito, con il colonnato e la Chiesa di San Francesco da Paola, il lussuoso Palazzo Reale, l'elegante Galleria Umberto, il Teatro San Carlo ed il possente Castel Nuovo, meglio conosciuto come Maschio Angioino.
I musei e le ricche collezioni: Museo di Capodimonte, Museo Archeologico Nazionale etc..
E poi, la Napoli panoramica: Via Caracciolo, fin su a Via Posillipo ed il Parco Virgiliano da cui ci si affaccia su uno scenario unico nel suo genere: il Golfo di Napoli con il Vesuvio, dal suo profilo inconfondibile; Capri, Ischia, Procida e l'area flegrea, dove la bellezza paesaggistica si unisce alla cultura greca e ai miti antichi.
"Qui vale la pena di sognare, perché qui tutto appare fantastico".
(Goethe, "Viaggio in Italia " 1787).
 

PaestumPompei ed Ercolano - Il VesuvioCapriLa Reggia di Caserta - I Campi Flegrei
La Costiera AmalfitanaBenevento - SalernoLa Certosa di PadulaIl Cilento