IL VESUVIO

Panorama   Andy Warhol, Vesuvio   Cratere

Home Page   -   Servizi offerti   -   Prenota una visita didattica  

Chi sono   -   Prenota una visita guidata   -   Contatti

 


Pompei, Bacco e Vesuvio
 

William Turner, Vesuvio


 

Cammeo

 

 

"Il Vesuvio è una montagna rivestita di terra fertile e alla quale sembra che abbiano tagliato orizzontalmente la cima; codesta cima forma una pianura quasi piatta, totalmente sterile, del colore della cenere, nella quale si incontrano di tratto in tratto caverne piene di fenditure, formate da pietre annerite come se avessero subito l’azione del fuoco, di modo che si può congetturare che là vi fosse stato un vulcano il quale si è spento dopo aver consumato la materia infiammabile che gli serviva da alimento. Forse è questa la causa cui dobbiamo attribuire la mirabile fertilità delle pendici della montagna".
Così Strabone (63 a.C. - 19 d.C.), storico e geografo greco, descrive il Vesuvio nella sua opera principale, “Geographia” .

 E’ il vulcano più famoso al mondo ma anche uno dei più pericolosi.
Nel 1996 è stato istituito il Parco Nazionale del Vesuvio, con lo scopo di proteggere le specie floristiche e faunistiche, di valorizzare l’area e recuperarla dal degrado raggiunto a causa delle costruzioni abusive. Questo infatti è un parco atipico, proprio a causa della massiccia conurbazione: 13 sono i comuni interessati che sorgono alle sue pendici e 800.000 circa gli abitanti degli stessi. Dopo aver percorso un tratto in auto, tra i cumuli e le lingue di lava prodotte dalle varie eruzioni, (spettacolare quella dell’ultima eruzione, nel 1944) comincia la salita a piedi che, in circa 20 minuti vi condurrà alla cima: è un percorso carico di suggestioni e di tensione, in cui il pensiero costante è la forza sconvolgente della natura. Poi, un profondo respiro, ed eccovi di fronte al cratere, enorme e tanto profondo. Affacciatevi pure, vedrete qualche fumarola ancora attiva; percorretene anche un tratto al suo fianco, ma vi raccomando, fatelo sulle punte dei piedi, affinché riposi tranquillo…
Il vostro sarà un atteggiamento di rispetto assoluto, dettato dal timore, dalla paura.
E’ un rapporto impari quello tra la forza umana e quella della natura. Ma basterà distogliere di poco lo sguardo per ritrovare la serenità perduta: siete a 1281 mt sul livello del mare, ed il panorama è mozzafiato: la vista spazia da Pompei, alla Penisola Sorrentina, a Capri, Ischia, Procida, Napoli e, proprio sotto ai vostri occhi, i paesi vesuviani: vi sentirete improvvisamente dominatori del mondo!
Se siete dei buongustai, lasciatevi prendere per la gola. Deliziosi sono i prodotti dell’area vesuviana: i pomodorini, le albicocche, le ciliegie, ed il famoso Lacrima Chrysti, un vino dal sapore secco e aromatico.
L’artigianato poi, è una tradizione che si tramanda da secoli: gioielli in corallo e cammei, capriccio delle regine e delle nobildonne, seducono tuttora il gentilsesso.

PaestumPompei ed Ercolano - NapoliCapri - La Reggia di CasertaLa Costiera Amalfitana
I Campi Flegrei
- Benevento - SalernoLa Certosa di Padula - Il Cilento